Selene Spa lancia un progetto verde per ridurre l’estrazione di prodotti fossili destinati alla produzione di plastica
Selene Spa ha ricevuto dalla banca Intesa Sanpaolo un finanziamento di 2,5 milioni di euro.
Intesa Sanpaolo

Ancora nessun commento

Selene Spa ha ricevuto dalla banca Intesa Sanpaolo un finanziamento di 2,5 milioni di euro.

La produzione sarà basata sul riciclaggio del granulo di polietilene

Il progetto finanziato è finalizzato allo sviluppo dell’impianto per la produzione di imballi industriali basato sul riciclaggio del granulo di polietilene. Il finanziamento erogato rientra nella linea di soluzioni ideate da Intesa Sanpaolo per sostenere investimenti che mirano al raggiungimento di obiettivi di neutralità climatica o integrazione in un processo di economia circolare, in linea con quanto espresso dallo European Green Deal. L’azienda, già da diversi anni impegnata in un percorso volto a ridurre l’impatto ambientale dei propri processi produttivi, ha adottato un modello di economia circolare per prolungare il ciclo di vita dei prodotti valorizzando i rifiuti plastici.

Nascerà un impianto innovativo per ripulire il materiale di recupero

Grazie al finanziamento concesso da Intesa Sanpaolo, Selene Spa migliorerà ulteriormente questo processo, attraverso il perfezionamento di un innovativo impianto di produzione di granulo di polietilene riciclato che, mediante appositi procedimenti di disinchiostrazione del materiale di recupero, permetterà di ottenere un granulo di qualità paragonabile a quella del polimero vergine. In questo modo l’azienda potrà anche rispondere alla crescente domanda di mercato indotta dall’introduzione delle nuove normative europee a favore del riutilizzo di plastica rigenerata.

L’azienda ha ridotto fino ad oggi il 30% di emissioni di CO2 

Valter Severini, Presidente e Ceo Selene spiega: “Miriamo a una riduzione della produzione di rifiuti attraverso il riciclo. Grazie all’impianto di Santa Margherita, produciamo gran parte dei nostri imballaggi integrando il riciclo e riutilizzo di materie prime-seconde derivanti da imballaggi in plastica usata, contribuendo ad uno sviluppo sostenibile dell’economia. Lo sforzo è minimizzare l’immissione di CO2 nell’atmosfera e oggi siamo riusciti a ridurre del 30% questo impatto”. Tito Nocentini, Direttore regionale Toscana e Umbria Intesa Sanpaolo aggiunge: “Affiancare le imprese che investono nella crescita sostenibile e negli obiettivi Esg come Selene Spa, è per noi una responsabilità. Abbiamo studiato finanziamenti dedicati e soluzioni basate su criteri di premialità per accompagnare le nostre imprese nella crescita e nella transizione green e digitale. Un processo di trasformazione ormai indispensabile per potersi proiettare in un mercato interno ed estero sempre più competitivo”.

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Reddit
Tumblr
Telegram
WhatsApp
Print
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ALTRI ARTICOLI

Le destinazioni di mare più economiche in Italia: dove andare questa estate

L’estate 2024 si presenta con rincari significativi che interessano tutte le componenti delle vacanze estive degli italiani, dai trasporti alle strutture ricettive, fino ai servizi balneari e alla ristorazione. Un’indagine congiunta di Assoutenti e del Centro di formazione e ricerca sui consumi (C.r.c.) ha evidenziato che andare in vacanza quest’anno costerà mediamente tra il 15%…

Leggi »

Toti rimane ai domiciliari, Cozzani libero a delle condizioni

Il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, continuerà a scontare gli arresti domiciliari. La decisione è stata presa dalla giudice per le indagini preliminari Paola Faggioni, che ha respinto la richiesta di revoca presentata dall’avvocato Stefano Savi. Filippo Cozzani, imprenditore e fratello dell’ex capo di gabinetto della Regione Liguria, ha invece visto la revoca degli…

Leggi »

Mutui, scendono i tassi. Tutte le cifre

Il tasso medio dei mutui di nuova emissione per l’acquisto di abitazioni è sceso al 3,61% a maggio, rispetto al 3,67% di aprile e al 4,42% dello scorso dicembre. Questo è quanto emerge dal rapporto mensile dell’Associazione Bancaria Italiana (Abi), che rileva anche una diminuzione del tasso medio sui nuovi finanziamenti alle imprese, passato al…

Leggi »