Tra il 2020 e il 2022 i canali sul televisore saranno visibili solo con la nuova tecnologia Digital video broadcasting T2

televisioneIl governo ha pronto un bonus di 50 euro come contributo per l’acquisto di un nuovo apparecchio per vedere i canali tv.

Entro il 30 giugno 2022 tutte le attuali trasmissioni digitali terrestri dovranno utilizzare lo standard DVB-T2 (HEVC, H.265). Nel 2009 siamo stati obbligati a comprare un decoder o a cambiare televisione a causa del passaggio dal segnale analogico a quello digitale. Ora, a distanza di circa dieci anni, saremo costretti a cambiare di nuovo per il passaggio alla nuova tecnologia e non tutti i televisori e/o decoder presenti sul mercato oggi sono in grado di supportarlo. Le trasmissioni della TV digitale verranno progressivamente migrate verso un nuovo standard nel quadro più generale di riorganizzazione delle frequenze assegnate alla televisione. In sostanza, si toglie una porzione di frequenze televisive per assegnare più spazio alle comunicazioni mobili cellulari.

Passaggio in Italia al DVB-T2

  • Dal 1° settembre 2021 al 31 dicembre 2021: (Area 2 e Area 3) Valle d’Aosta, Piemonte, Lombardia, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna e le province di Trento e di Bolzano.
  • Dal 1° gennaio 2022 al 31 marzo 2022: (Area 1) Liguria, Toscana, Umbria, Lazio, Campania, Sardegna.
  • Dal 1° aprile 2022 al 31 giugno 2022: (Area 4) Sicilia, Calabria, Puglia, Basilicata, Abruzzo, Molise, Marche.

Bonus per l’acquisto di un nuovo TV o decoder

La legge di Bilancio 2019 ha stanziato delle risorse economiche per introdurre un bonus TV che permette alle famiglie di risparmiare sull’acquisto del televisore che rispetti i nuovi standard. Bonus al via da dicembre e riguarderà l’acquisto di decoder e Smart TV in grado di supportare la tecnologia DVBT2. A breve, assicurano dal ministero dello Sviluppo economico, verrà infatti pubblicato il decreto interministeriale Mise-Mef che ne consentirà l’erogazione. L’obiettivo è di “incrementare gli attuali 151 milioni di euro” stanziati con la legge di bilancio 2019 richiedendo un nuovo finanziamento della misura per allargare la platea dei beneficiari. In base ai finanziamenti già previsti, il voucher ammonta a 50 euro.

Chi deve cambiare?

  • Tv antecedenti al 2010.Ricevono il segnale attraverso il digitale terrestre, ma già da ora potrebbero non mostrare i canali in alta definizione perché sprovvisti del supporto al codec MPEG4.
  • Tv del periodo 2010-2014.Ricevono in digitale terrestre, inclusi i pochi canali in alta definizione codificati in MPEG4.
  • Tv del periodo 2014-2015.Supportano lo standard DVB-T2, ma non quello più recente codec H265/HEVC.
  • Tv del periodo 2015-2016.Supportano lo standard DVB-T2 e il più recente codec H265/HEVC.
Tra il 2020 e il 2022 i canali sul televisore saranno visibili solo con la nuova tecnologia Digital video broadcasting T2 ultima modifica: 2019-11-12T12:56:00+00:00 da Andrea M.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.