E’ un giorno decisivo per Banca Carige

Oggi l’assemblea dei soci dovrà deliberare l’aumento di capitale di 400 milioni. Sul punto proprio ieri la banda aveva ricevuto l’autorizzazione della Banca Centrale Europea alla realizzazione della manovra complessiva di rafforzamento patrimoniale del Gruppo.

Come noto, la manovra si articola su due elementi essenziali: l’emissione di un prestito subordinato Tier2 effettuata il 30 novembre scorso (sottoscritta per 320 milioni dallo Schema Volontario di Intervento del FITD e dal Banco di Desio e della Brianza), e un aumento di capitale in opzione per massimi 400 milioni sottoposto all’approvazione dell’assemblea atraordinaria dei Soci che si terrà oggi .

La bce inoltre ha analizzato il Capital Conservation Plan inviato dalla banca il 30 novembre e ha notificato una bozza di decisione che prevede l’estensione al 31 dicembre 2019 del termine entro il quale la Banca dovrà conseguire in “modo sostenibile” l’osservanza dei requisiti patrimoniali sottolineando che l’attuazione integrale e puntuale della manovra di rafforzamento patrimoniale e della cessione di asset non core e crediti deteriorati nonché “l’impegno concreto verso un’aggregazione aziendale”, rappresentano condizioni necessarie per assicurare un sostenibile rispetto dei requisiti patrimoniali.

Il documento è stato approfondito ieri in CdA e la Banca potrà eventualmente presentare le proprie osservazioni come da prassi. Lo stesso Cda è stato preallertato per oggi pomeriggio o al massimo domani mattina in caso di bocciatura dell’aumento dei capitali

E’ un giorno decisivo per Banca Carige ultima modifica: 2018-12-22T12:00:49+00:00 da Andrea M.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.