Indeed è rivolto sia alle aziende sia ai candidati in cerca di lavoro (video)
indeed

Ancora nessun commento

Su sito Indeed vi è una sezione interamente dedicata alle offerte di lavoro e un’altra alla ricerca di candidati tramite curriculum.

Su Indeed l’azienda digita delle parole chiave (come competenze, esperienze, anni di esperienza) e ottiene i profili dei candidati che rispettano quei requisiti. Se vuoi farti trovare nelle ricerche delle aziende, ti basterà entrare nell’area ‘pubblica il tuo curriculum’ e compilare il format del portale. Se vuoi utilizzare questa possibilità, tieni presente che sarà tuo dovere aggiornare il curriculum costantemente per ottenere maggiori possibilità di entrare nelle ricerche delle aziende.

Cercare lavoro ai tempi di Internet è tanto più semplice ed economico quanto anche dispersivo e ‘pericoloso’. Molto spesso, infatti, può capitare di imbattersi in annunci-truffa (o poco seri), riconoscibili attraverso elementi come:

  • l’assenza del nome dell’azienda (e quindi di un sito di riferimento da poter consultare);
  • l’assenza o vaghezza della descrizione delll’attività;
  • il riferimento esplicito al compenso spettante;
  • l’indirizzo mail con dominio non coincidente col nome dell’azienda (es.: libero, gmail, hotmail, yahoo…);
  • inserimento del Cv a pagamento nella banca dati;
  • promesse di carriera o di assunzione all’interno dell’azienda dopo un certo periodo o dopo aver frequentato un corso di formazione a pagamento senza aver firmato alcun contratto…

Indeed si differenzia dai competitor per il fatto di esistere in ben 26 lingue in più di 50 paesi.

Ad esempio, per cercare un lavoro in Francia, vi basterà comporre l’indirizzo fr.indeed.com o de.indeed.com se invece volete spostarvi in Germania, questo aspetto puo’ risultare molto utile per aziende che lavorano in diverse nazioni, o che devono partecipare ad una fiera e cercano un candidato del posto.

Nella giungla dei siti dedicati alla ricerca del lavoro, è da apprezzare l’attenzione alla qualità: le offerte sono mantenute solo per 30 giorni, i duplicati vengono eliminati e il database degli annunci è costantemente monitorato.

Quali sono le città italiane che offrono maggiori opportunità di lavoro?

  1. Milano
  2. Roma
  3. Torino
  4. Napoli
  5. Bologna
  6. Firenze
  7. Brescia
  8. Padova
  9. Verona
  10. Modena

Come si può facilmente notare, le regioni più rappresentate sono quelle del Nord (Lombardia, Piemonte, Veneto, Emilia Romagna) e del Centro Italia (Toscana e Lazio), mentre c’è solo una città del Sud, in Campania.

Dal punto di vista dell’offerta, le top 10 figure ricercate sono:

  1. Agente di commercio
  2. Agente plurimandatario
  3. Magazziniere
  4. Impiegato Commerciale
  5. Lavoro da casa su internet
  6. Manutentore meccanico
  7. Tecnico Commerciale
  8. Addetta alle pulizie
  9. Impegata amministrativa
  10. Ingegnere QA

Visita il sito

 

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Reddit
Tumblr
Telegram
WhatsApp
Print
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ALTRI ARTICOLI

Le destinazioni di mare più economiche in Italia: dove andare questa estate

L’estate 2024 si presenta con rincari significativi che interessano tutte le componenti delle vacanze estive degli italiani, dai trasporti alle strutture ricettive, fino ai servizi balneari e alla ristorazione. Un’indagine congiunta di Assoutenti e del Centro di formazione e ricerca sui consumi (C.r.c.) ha evidenziato che andare in vacanza quest’anno costerà mediamente tra il 15%…

Leggi »

Toti rimane ai domiciliari, Cozzani libero a delle condizioni

Il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, continuerà a scontare gli arresti domiciliari. La decisione è stata presa dalla giudice per le indagini preliminari Paola Faggioni, che ha respinto la richiesta di revoca presentata dall’avvocato Stefano Savi. Filippo Cozzani, imprenditore e fratello dell’ex capo di gabinetto della Regione Liguria, ha invece visto la revoca degli…

Leggi »

Mutui, scendono i tassi. Tutte le cifre

Il tasso medio dei mutui di nuova emissione per l’acquisto di abitazioni è sceso al 3,61% a maggio, rispetto al 3,67% di aprile e al 4,42% dello scorso dicembre. Questo è quanto emerge dal rapporto mensile dell’Associazione Bancaria Italiana (Abi), che rileva anche una diminuzione del tasso medio sui nuovi finanziamenti alle imprese, passato al…

Leggi »