La Nigeria, il più grande esportatore di petrolio dell’Africa, importa quasi tutto il suo carburante perché non ne raffina abbastanza
La compagnia petrolifera nazionale nigeriana Nnpc Ltd è tornata ad essere l’unico importatore di benzina del Paese perché le aziende private locali non sono in grado di ottenere valuta estera.
petrolio

Articolo del

La compagnia petrolifera nazionale nigeriana Nnpc Ltd è tornata ad essere l’unico importatore di benzina del Paese perché le aziende private locali non sono in grado di ottenere valuta estera. Lo ha dichiarato ieri il suo amministratore delegato, quattro mesi dopo l’apertura delle importazioni agli operatori privati.

Mele Kyari ha anche affermato che il governo non ha reintrodotto un sussidio decennale per la benzina eliminato alla fine di maggio, nonostante le preoccupazioni degli investitori per un ritorno di fatto, dato che i prezzi alla pompa non si sono mossi da luglio, nonostante un aumento di oltre il 30% del prezzo del petrolio.

La Nigeria, il più grande esportatore di petrolio dell’Africa, importa quasi tutto il suo carburante perché non ne raffina abbastanza per soddisfare la domanda dei suoi 200 milioni di cittadini. Negli ultimi anni, ha scambiato il greggio con il carburante, privandosi di una fonte di dollari americani.

L’apertura delle importazioni di benzina al settore privato faceva parte delle riforme del presidente Bola Tinubu per liberare il Paese dai sussidi per il carburante.

Alcune compagnie di carburante hanno iniziato le importazioni a luglio, ma Kyari ha dichiarato a una conferenza sull’energia che ora stanno lottando per ottenere valute estere per importare la benzina, nota come premium motor spirit (Pms). “Siamo l’unica compagnia che importa Pms nel Paese”, ha detto.

Parlando con i giornalisti dopo un incontro con Tinubu, Kyari ha respinto i timori che sia stato ripristinato un parziale sussidio per il carburante. “Stiamo recuperando l’intero costo dei prodotti che importiamo. Non ci sono sussidi di alcun tipo”, ha aggiunto.

La benzina è ampiamente utilizzata dalle famiglie e dalle piccole imprese per alimentare i generatori, perché milioni di nigeriani non sono collegati alla rete elettrica.

La Nigeria è alle prese con una carenza di valuta estera, che ha visto la naira indebolirsi ai minimi storici sul mercato parallelo. Il nuovo governatore della banca centrale ha dichiarato che i responsabili delle politiche hanno dovuto far fronte a un arretrato di quasi 7 miliardi di dollari nella domanda di valuta estera.

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Reddit
Tumblr
Telegram
WhatsApp
Print
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ALTRI ARTICOLI