Nel periodo di Natale c’è stato un picco di tentativi di truffa perpetrati via email
Moltissimi messaggi di posta in questi periodo contenevano tentativi di violazione dei dati personali.
Colpodamiliardodidollariaidannidegliistitutibancari nf finance

Articolo del

Moltissimi messaggi di posta in questi periodo contenevano tentativi di violazione dei dati personali.

Sono i dati dei dell’azienda di sicurezza informatica Bitdefender che ha rilasciato i risultati di una ricerca sulle truffe sul web legate agli acquisti di Natale. 

Secondo i ricercatori, tramite il cosiddetto phishing, i criminali informatici spingono gli utenti ad aprire allegati infetti o a visitare siti web civetta, affinché rilascino le loro informazioni personali online. I marchi più imitati sono stati nel periodo, Sony, Louis Vuitton, Walmart e Home Depot. A differenza dei primi due, gli ultimi hanno riguardato campagne indirizzate principalmente negli Stati Uniti.

I paesi principali coinvolti nello spam a tema festivo sono proprio gli Usa, con il 29%, seguiti dall’Irlanda con il 19%, dalla Francia con il 13% e dalla Germania con il 10%. Il 32% dello spam a tema natalizio proviene da indirizzi IP statunitensi, seguiti dalla Francia con il 18% e dalla Cina con il 13%.

I messaggi più utilizzati dagli hacker sono quelli che promettono sconti su oggetti notoriamente costosi e comunicazioni, false, provenienti dai corrieri che consegnano la merce. “Bisogna sempre verificare la legittimità di email e messaggi urgenti riguardanti pacchi non consegnati o attività sospette sui propri account online” spiegano gli esperti. “Oltre a utilizzare una soluzione di sicurezza che rilevi e blocchi il phishing, i siti web fraudolenti e i malware”. 

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Reddit
Tumblr
Telegram
WhatsApp
Print
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ALTRI ARTICOLI