OAM alla mercè di uno scandalo tutto Italiano, ASSOPAM minaccia di scendere in piazza.

L’associazione Assofin artefice del protocollo delle CQS dove di fatto ha letteralmente dimezzato le provvigioni a noi “deficienti” del settore viene presa con le mani nella marmellata dalla AGCM per manipolazione del mercato del credito! Le multe inflitte ad Assofin e Assilea (socie OAM) dopo pochi mesi dall’arresto (per riciclaggio) del presidente di un’altra associazione (socia OAM) ci vede costretti a sollecitare i vertici dell’Organismo Agenti e Mediatori OAM a prendere immediati e seri provvedimenti contro le associazioni coinvolte (sospendere fino giudizio finale). Preoccupati delle possibili infiltrazioni nelle future decisioni istituzionali che OAM dovrà intraprendere (circolari, comunicazioni, provvedimenti e altro) chiediamo (a gran voce) ai responsabili OAM di adottare misure preventive e cautelative al fine di evitare coinvolgimenti diretti delle socie multate, con le future decisioni istituzionali nel settore del credito. Le associazioni colluse e/o condannate così come riportato nell’ ATTO COSTITUTIVO E STATUTO DELL’OAM non possono e non devono rappresentare (nel modo più assoluto) gli iscritti, pertanto i vertici OAM devono passare alle necessarie determinazioni, pena la mobilitazione in piazza Borghese n.3 degli associati Assopam!

OAM alla mercè di uno scandalo tutto Italiano, ASSOPAM minaccia di scendere in piazza. ultima modifica: 2019-01-14T13:21:46+00:00 da Antonio P.

2 Comments

  • Francesco Latrofa ha detto:

    Ritengo questa iniziativa assolutamente necessaria e credo che debba essere chiesta anche la sospensione dell’operatività anche di tutte le società finanziarie aderenti alle due suddette associazioni.In caso di risposta insufficiente o negativa da parte dell’OAM bisognerà fare un esposto alla magistratura.

  • Massimo ha detto:

    Sicuramente si devono adottare i provvedimenti urgentemente perché come noi rispettiamo le regole e siamo soggetti a controlli continui obblighi formativi e contributivi così anche l’organismo deve rispondere del suo operato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.