Promotori finanziari, per Rufini (CISL) nel futuro un professionista unico

Ancora nessun commento

La Camera dei deputati approvando ieri il Decreto sullo Sviluppo e la Crescita, tra i diversi provvedimenti ha finalmente chiuso la “partita” dell’iscrizione all’OAM per i promotori finanziari. Un emendamento inserito già nel testo approvato al Senato che prevedeva infatti l’esenzione dell’iscrizione nel registro del nuovo Albo. Una vicenda che ha avuto un iter molto accidentato.

 

“Dopo lo scoppio della grande crisi finanziaria ci sono molti cantieri normativi aperti i cui esiti non sono ancora definiti” racconta Mauro Rufini Responsabile Nazionale

Promotori Finanziari FELSA CISL. “Nuove regole come risposta alle deviazioni del mercato e dei suoi attori. I provvedimenti emananti a partire dal Dlg 141/2010 in attuazione della Direttiva 2008/48/CE e le modifiche del titolo VI del Testo Unico Bancario (D.L.  385/1993) in merito alla disciplina dei soggetti operanti nel settore finanziario, degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi, pur costituendo un’evoluzione positiva della legislazione, stanno producendo un sistema di regole frammentate e una sovrapposizione di appesantimenti burocratici. La proposta del doppio Albo per i promotori voluto dal Governo Monti ha suscitato la legittima protesta dei lavoratori costretti a nuovi pesanti oneri economici e burocratici. L’iniziativa della CISL, attraverso la FeLSA che ha la rappresentanza sindacale della categoria per i rapporti di lavoro autonomo, non si è fatta attendere, chiedendo con forza il cambiamento con la cancellazione della norma per via legislativa. Il rimedio ora è stato trovato ma non è stato facile”.

 

Il sindacato, secondo l’esperto non si è fatto attendere e ha risposto in modo puntuale a quanto è accaduto. “Il sindacato in questa partita si è mosso sul terreno di interlocuzione a lui più congeniale. E la Cisl, con il peso ed il prestigio di un grande sindacato confederale, che tutela ed organizza il lavoro autonomo attraverso una Federazione ( la Felsa)  darà sempre il suo fattivo contributo di proposta e di rappresentanza dei promotori finanziari.  Una figura fondamentale della gestione della ricchezza del Paese e una percezione che forse ancora sfugge a molti nella sua interezza”.

 

Ma la riflessione deve essere più ampia, secondo Rufini. “Quanto sta succedendo mette in luce comunque che c’è contiguità tra i settori finanziario, creditizio, mobiliare ed assicurativo. Non è da escludere nel futuro la fattibilità di un profilo unico, altamente professionale sulla scia delle riflessioni avviate anche dalla Banca d’Italia.  Le istituzioni, l’industria finanziaria,  i profili normativi e legislativi devono gestire una fase nuova dove anche la rappresentanza sindacale dei promotori ha la titolarità piena a determinare lo sviluppo di un nuovo modello di promozione finanziaria” conclude l’esperto.

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Reddit
Tumblr
Telegram
WhatsApp
Print
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ALTRI ARTICOLI

Dna, rivoluzione pangenoma: come cambierà ricerca e cure

22 giugno 2000. Una data fondamentale nella storia della genetica: il Genome Bioinformatics Group dell’Università della California Santa Cruz, composto da Jim Kent, Patrick Gavin, Terrence Furey e David Kulp completa il Progetto Genoma Umano (Human Genome Project, HGP), progetto di ricerca scientifica internazionale che ha come obiettivo principale era quello di determinare la sequenza…

Leggi »

Lavoro, dati Istat 2024: disoccupazione in calo

L’Istat ha pubblicato un’analisi del mercato lavorativo italiano nel primo trimestre del 2024. I principali dati posti in vetrina sono i seguenti. Crescita del Pil con +0,3% in termini congiunturali e +0,7% in termini tendenziali. Aumento dell’input di lavoro dello 0,6% rispetto al trimestre precedente. Statistiche migliori invece rispetto a un anno fa, ovvero al…

Leggi »

Si blocca l’attività di un grande stabilimento italiano

Oggi, giovedì 13 giugno 2024, lo stabilimento Leonardo Aerostrutture di Grottaglie è teatro di una giornata di protesta e tensione. I dipendenti hanno avviato uno sciopero con astensione di quattro ore per turno, in risposta alle gravi preoccupazioni riguardanti il futuro del sito e le condizioni lavorative emerse durante le assemblee sindacali delle organizzazioni Fim,…

Leggi »