Intorno a Telecom Italia si respira un’aria di cambiamento epocale
Dovrebbe arrivare tra oggi e domani il via libera della Commissione europea alla cessione della rete di Tim.
TIM

Ancora nessun commento

Dovrebbe arrivare tra oggi e domani il via libera della Commissione europea alla cessione della rete di Tim.

Insomma, ci siamo. Tanto che si dibatte già su dopo nella relazione annuale dell’Organo di Vigilanza sulla parità di accesso della rete Tim, ente nato nel 2009 e rivisto nel 2016 che ora rischia di veder ridimensionato il suo ruolo. Il presidente dell’organo, Antonio Martusciello, si attende «rilevanti modifiche nello stesso quadro regolamentare appena varato». In primis, su prezzi e vincoli stabiliti periodicamente da AgCom. «A mio giudizio», continua Martusciello, «tali modifiche si potrebbero configurare, in realtà, come un vero e proprio tsunami, in quanto un cambiamento strutturale» come il «superamento del modello dell’integrazione verticale di Tim» porta a dover ripensare «tutti i parametri e tutti gli obblighi».

Sul punto si è espressa anche la presidente di Tim: «Avendo rinunciato a essere un operatore verticale, verranno meno tutte quelle limitazioni che Tim aveva». L’invito, quindi, è che «il regolatore tenga conto di questo e alleggerisca la normativa». La presidente, inoltre, ha teso una mano al primo socio Vivendi (che continua la causa in tribunale) affermando che il cda cercherà di «costruire un nuovo dialogo».

Intanto in Borsa il titolo (ieri -0,5% a 0,25 euro) nell’ultimo mese ha recuperato terreno (+12,5%). Segno di come l’operazione di scorporo sia data per imminente. Eppure si nota come il titolo spesso salga in avvio per frenare in chiusura di seduta. Nelle sale operative è netta la sensazione che ciò sia opera degli hedge fund i quali, avendo scommesso al ribasso quando l’operazione era in bilico, ora comprimono il titolo per poi ricoprirsi limitando possibili perdite. Un quadro cui aggiungere anche l’opera di molti piccoli speculatori che giocano sul saliscendi del titolo per portare a casa qualche guadagno. Intanto oggi sono attesi i conti trimestrali di Tim. Per la prima volta il gruppo guidato dal ceo Pietro Labriola metterà in evidenza, oltre al vecchio perimetro, anche i principali indicatori relativi al nuovo perimetro (quindi senza NetCo). Il consensus degli analisti è per ricavi da servizi a 3.

652 milioni (+2,6%) a livello di gruppo integrato, con un margine lordo al netto dei canoni di leasing di 1,24 miliardi (+3,4%). Mentre per la ServCo gli analisti si attendono ricavi da servizi in crescita del 3,2% a 3,26 miliardi e margini al netto dei leasing in aumento del 14,5% a 830 milioni.

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Reddit
Tumblr
Telegram
WhatsApp
Print
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ALTRI ARTICOLI

Assicura la precisione dei tuoi bilanci con Caesar Traduzioni

QuiFinanza Redazione QuiFinanza, il canale verticale di Italiaonline dedicato al mondo dell’economia e della finanza: il sito di riferimento e di approfondimento per risparmiatori, professionisti e PMI. Quando si tratta di traduzione dei bilanci e di documenti aziendali, precisione e affidabilità sono essenziali e indispensabili. La necessità di comunicare con partner stranieri, di partecipare a…

Leggi »

In arrivo le graduatorie per il bonus psicologo: come mettersi in regola

Il bonus psicologo è un importante contributo introdotto dal Ministero della Salute nel novembre 2023 per sostenere le spese di psicoterapia. Questa iniziativa, finanziata con fondi appositi stanziati nel 2023, mira a facilitare l’accesso alle cure psicologiche per i cittadini in difficoltà economica. La risposta è stata davvero notevole, con oltre 400.505 richieste presentate entro…

Leggi »

Mutui in calo grazie allo spread? Cosa succede ora a chi ha il tasso variabile

Nell’odierna dinamica dei mercati finanziari, l’andamento positivo della Borsa italiana si accompagna a una stabilità dello spread tra i titoli di Stato italiani (Btp) e quelli tedeschi (Bund). Questo scenario, delineato dall’apertura dei mercati telematici, riveste particolare interesse per gli investitori e per coloro che hanno in corso mutui o stanno valutando l’opportunità di sottoscriverne…

Leggi »