U

Dopo la pandemia, l’area dell’euro ha vissuto una delle più rapide riprese della sua storia, grazie anche all’ampio sostegno della politica fiscale e monetaria. “Ora ci troviamo di fronte all’aumento dell’inflazione globale guidata da costi energetici più elevati, colli di bottiglia dell’offerta e normalizzazione della domanda con la riapertura delle economie. Nel complesso, tuttavia, questi sviluppi non hanno comportato un cambiamento significativo nel ruolo internazionale dell’euro” afferma la presidente della Bce Christine Lagarde.

Dal rapporto emerge che la quota dell’euro nelle riserve valutarie globali è aumentata di 0,5 punti percentuali al 20,6% nel 2021 e la quota dell’euro nelle emissioni obbligazionarie internazionali è salita di quasi 3 punti percentuali al 24,6%. Anche i prestiti internazionali in essere e i depositi internazionali in essere sono aumentati notevolmente. Tuttavia, la quota dell’euro nei regolamenti in valuta estera è scesa. La quota dell’euro nello stock in essere di titoli di debito internazionali, nonché nella fatturazione delle importazioni ed esportazioni extra euro, è restata sostanzialmente stabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *