Il presidente di Cassa depositi e prestiti Claudio Costamagna ha annunciato di non essere disponibile per un secondo mandato

CassaDepositiscendesottoil%diGeneraliClaudio Costamagna spiega di aver “condiviso la decisione con il presidente di Acri e Fondazione Cariplo Giuseppe Guzzetti”.

Costamagna, voluto da Matteo Renzi al posto di Franco Bassanini, è stato per tre anni a capo di un istituto che gestisce i 250 miliardi del risparmio postale. “Considero un onore aver presieduto un’istituzione chiamata a realizzare parte della politica industriale del nostro paese disegnata dal governo con il concorso dei soci privati delle fondazioni”, ha spiegato Costamagna, che ha esteso i ringraziamenti al cda e all’amministratore delegato Fabio Galli

Adesso tutto, o quasi, è nelle mani del ministro dell’Economia, Giovanni Tria, che la prossima settimana predisporrà la lista da portare all’assemblea annuale del 20 e 28 giugno in collaborazione con le fondazioni bancarie. Quest’ultime hanno un peso visto che detengono il 14% del capitale azionario di Cassa Depositi e Prestiti S.p.A., a fronte dell’86% nelle mani dello Stato.

Il presidente di Cassa depositi e prestiti Claudio Costamagna ha annunciato di non essere disponibile per un secondo mandato ultima modifica: 2018-06-06T11:18:45+00:00 da Andrea M.