Unicredit avvia riassetto societario

Articolo del

Ha debuttato poche ore fa il nuovo modello organizzativo di Unicredit, che in controtendenza rispetto ad altri operatori del settore ha scelto di dire addio alle divisioni, e di separare i conti per i singoli Paesi. Sul territorio nazionale l’istituto bancario sarà organizzato in 7 regioni e in 76 direzioni territoriali.

Stando a quanto comunicato dallo stesso istituto di credito, l’obiettivo è quello di accorciare in maniera rilevante la filiera decisionale, conferendo maggiore autonomia e responsabilità ai singoli manager locali. Dall’aggregazione, pertanto, Unicredit passa alla delocalizzazione (anche contabile) della gestione.

Oltre al cambiamento qualitativo, il top management si aspetta altresì qualche ritorno economico: il nuovo assetto organizzativo è infatti elemento chiave per permettere alla banca di ottenere, per il 2013, un obiettivo pari all’incremento del margine operativo lordo di una proporzione compresa tra l’8 e il 10 per cento, tra maggiori ricavi (+ 4 punti percentuali) e minori costi (- 3 o – 4 punti percentuali).

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Reddit
Tumblr
Telegram
WhatsApp
Print
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ALTRI ARTICOLI